Conferenza dei Servizi: autorizzazione all’inquinamento!

23 09 2009

Lunedì 21 si è finalmente conclusa la Conferenza dei Servizi alla Provincia di Modena, con l’autorizzazione a far partire l’impianto di bitumazione, previe alcune “migliorie” che dovrebbero limitare i danni. Secondo l’Assessore Provinciale Vaccari (leggi qui) dalla conferenza “esce un progetto certamente migliore dal punto di vista ambientale. Oltre all’innalzamento del camino che riduce l’impatto delle emissioni, abbiamo inasprito tutta una serie di prescrizioni, già presenti nella precedente autorizzazione, introdotto nuovi obblighi anche di carattere gestionale e ulteriori controlli che assicurano sulla sostenibilità ambientale dell’impianto”.

Parlare di “sostenibilità” di un impianto di produzione di catrame è quanto meno ardito, considerando che il concetto di sostenibilità prevede che le attività del presente non impattino negativamente sulle generazioni future (già abbondantemente provate dall’essere nate e vissute in una zona ambientalmente spremuta e sovrainquinata), ma siamo sicuri che Arpa vigilerà e campionerà e controllerà, in modo che sapremo esattamente quali schifezza ci toccherà respirare.

L’unico voto contrario alla messa in funzione dell’impianto è stato del Sindaco di Savignano, Germano Caroli, al quale va la stima del nostro Comitato. Il Sindaco di Bazzano, Elio Rigillo, non aveva diritto al voto, ma siamo sicuri che si sarebbe espresso a favore dei cittadini. Ed anche ad Elio va la nostra stima, dal momento che ha dimostrato e dimostra tuttora un grande interesse nei confronti delle rivendicazioni del comitato.

E adesso? Lo diciamo chiaro e tondo: non ci fermiamo, non ci arrendiamo. Ci sembra che la decisione presa dalla Conferenza dei Servizi sia del tutto discutibile e sia stata presa, ancora una volta, senza considerare l’opinione dei cittadini e quella di un panel di esperti che hanno documentato la nocività dell’impianto.

Stiamo preparando un ricorso al TAR e lo ripetiamo: non ci fermiamo, non ci arrendiamo!

Se avete a cuore la faccenda, aderite al comitato, contribuite a questa causa, difendete i vostri diritti e la vostra salute.